Concetti chiave che trovi sul sito dell'Istituto di Bioetica

Cure Palliative o Medicina Palliativa

Definizione: Trattamento del paziente affetto da patologie evolutive ed irreversibili, attraverso il controllo dei suoi sintomi e delle alterazioni psico-fisiche, più della patologia che ne è la causa.

Il termine “palliativo” evoca una strategia da attuare quando ormai non esiste una terapia in grado di condurre alla guarigione.

In Italia nascono solo agli inizi degli Anni Ottanta, grazie al prof. Vittorio Ventafridda, direttore del Servizio di Terapia del Dolore dell’Istituto Nazionale per la Ricerca e per la Cura dei Tumori di Milano, e dell’Ing. Virgilio Floriani, fondatore dell’omonima fondazione Nasce il “modello Floriani” che ha come base operativa l’ospedale, ma con l’obiettivo di espandersi sul territorio un’integrazione tra ente pubblico e privato.

Perchè Nascono?
Per rispondere all’esigenza di fornire un adeguato e specifico piano di assistenza ai malati terminali che miri alla soddisfazione dei loro bisogni fisici, psicologici, morali e spirituali L’obiettivo principale è quello di garantire con mezzi idonei la miglior qualità della vita possibile e assicurare la dignità del morire.

(continua...)

Per saperne di più o richiedere l'intervento di un esperto, cliccare qui!


Clonazione PDF Stampa E-mail

Clonazione riproduttiva, clonazione terapeutica: quali problematiche?

Definizione: é la produzione artificiale e asessuata di cellule, tessuti o individui geneticamente identici ad altri già esistenti. Dal greco klon = germoglio.

Secondo il Parlamento Europeo è intesa come creazione di embrioni con lo stesso patrimonio genetico di un altro essere umano vivente o morto, in qualsiasi stadio del suo sviluppo, senza distinzioni possibili per quanto riguarda il metodo seguito.

Esistono due forme di clonazione:
Clonazione riproduttiva:
ha lo scopo di ottenere la nascita di un nuovo individuo vivente uguale a quello clonato

Clonazione “riproduttiva” terapeutica:
ha lo scopo di produrre un embrione di cui si prevede l’interruzione della vita nei primissimi stadi dello sviluppo al fine di ricavare una serie di cellule e tessuti da trapiantare nel malato e sostituirsi a quelle malate.

METODI DI CLONAZIONE: Prima tecnica di Fissione gemellare (embryo-splitting)
Consiste nell’indurre la divisione delle cellule embrionali nelle prime fasi di sviluppo in due o più embrioni(Stadi del frutto del concepimento: subito dopo il concepimento lo “zigote”- fase monocellulare inizia lo sviluppo moltiplicando il numero delle cellule denominate “blastomeri” che nel loro insieme assumono l’aspetto di una mora-stadio definito “morula”, verso il secondo giorno i blastomeri si differenziano in un tessuto detto “trofoblasto”, cellule che daranno origine ai primi tessuti e organi dell’embrione-stadio di “blastocisti”)

Le cellule embrionali, allo stadio di morula, una volta divise, per la loro totipotenzialità, sono in grado di svilupparsi in modo indipendente una dall’altra per produrre embrioni con lo stesso patrimonio genetico. Con la “fissione gemellare” si riproduce artificialmente quanto avviene in natura nel caso della formazione di gemelli monozigoti. (Continua....)

Per saperne di più o richiedere l'intervento di un esperto, cliccare qui!

Clonazione